lunedì 30 giugno 2014

Post Mortem (film streaming)


Un film di Pablo Larrain. Con Alfredo Castro, Antonia Zegers, Jaime Vadell, Amparo Noguera, Marcelo Alonso. Cile, Messico, Germania, 2010.

Mario, cinquantacinque anni, lavora in un obitorio battendo a macchina i referti delle autopsie. Nel 1973, nel pieno del golpe cileno, fantastica sulla sua vicina Nancy, ballerina di cabaret, che scompare misteriosamente l’11 settembre. Dopo una violenta irruzione dell’esercito a casa della famiglia di Nancy, Mario apprende dell’arresto del fratello e del padre di lei, esponente di spicco del Partito Comunista e sostenitore di Salvador Allende. Turbato e spinto dalla perdita dell’amante mancata, Mario si mette freneticamente alla sua ricerca. Il governo Allende è stato rovesciato e la gente muore per le strade. L’esercito sequestra l’obitorio e i cadaveri si accumulano ma Mario non riesce a distogliere la mente da Nancy. Continua a fare il proprio lavoro, finché una notte...


venerdì 27 giugno 2014

Prospero Gallinari - Una Storia Del Novecento (intervista streaming)


a cura del Centro Sociale Askatasuna. Italia, 2007.

Video intervista a Prospero Gallinari, uno dei capi storici delle Brigate Rosse. 60 minuti, dai morti di Reggio Emilia al sequestro Moro.

Prospero Gallinari parla del suo libro: “Un contadino nella metropoli. Ricordi di un militante delle Brigate Rosse”. 

Scritto negli ultimi anni e pubblicato nella primavera del 2006, si rivela, pagina dopo pagina, documento importante per i militanti di ieri e di oggi. In uno stile asciutto e rigoroso, Prospero Gallinari consegna alla scrittura la propria esperienza politica ed umana di militante comunista rivoluzionario, senza sconti auto-celebrazioni o ripensamenti di comodo.


martedì 24 giugno 2014

I Tre Giorni Del Condor (film streaming)


Un film di Sydney Pollack. Con Robert Redford, Max von Sydow, Faye Dunaway, Cliff Robertson, Addison Powell. USA, 1975.

Locandina I tre giorni del Condor
Un ricercatore della CIA è l'unico superstite di una sezione di New York dell'organizzazione, sterminata da un gruppo di sicari. Con l'aiuto di Kathie sfugge agli assassini che lo braccano e scopre che dietro al complotto si nasconde la CIA stessa...

Redford in uno dei ruoli che ne hanno imposto il mito. Pollack parte da un genere particolarmente spettacolare (il film di spionaggio) per abbozzare un discorso anche politico di vasta portata (l'individuo schiacciato dal Potere). Tensione drammatica, efficace complessità dei personaggi e gran senso dell'azione, fanno del film un classico degli anni Settanta.


lunedì 23 giugno 2014

Fasinpat - Fabrica Sin Patron (documentario streaming ESP sub ITA)


Un film di Daniele Incalcaterra. Argentina, 2004.

Nella provincia di Neuquèn, nella Patagonia Argentina, una fabbrica di ceramiche, la Zanon, che aveva prosperato durante gli anni della dittatura e del governo Menem, minacciava di licenziare la metà dei suoi operai per evitare la chiusura definitiva dovuta alla crisi imperante. Alla fine del 2001 gli operai non accettarono di negoziare i licenziamenti e occuparono la fabbrica. Da allora la Zanon sta producendo guidata dai suoi operai. Utilizzando solo il 15% della sua capacità produttiva questi hanno saputo creare nuovi posti di lavoro per i disoccupati e tutti guadagnano un salario di 800 pesos. Ovviamente questa situazione non piace al potere politico che sta cercando di eliminare questo tipo di esperienze. In Argentina ci sono circa 100 fabbriche che stanno seguendo l’esempio di lotta degli operai della Zanon. La vicenda è raccontata direttamente dagli stessi protagonisti.


venerdì 20 giugno 2014

Loro Dentro (documentario streaming)


Un documentario di Cristina Oddone. Italia, 2012.

Prodotto da: Università di Genova – Laboratorio di Sociologia Visuale, Centro Frantz Fanon, Sert ASL 4 Chiavari. 

Una decina di ragazzi tra i 20 e i 30 anni, italiani e stranieri, ci raccontano la vita dentro il Carcere di Marassi, l’istituto penale più grande della Liguria: 850 persone in una struttura che può ospitarne poco più di 400. Nei mesi in cui abbiamo realizzato questo laboratorio video (febbraio — giugno 2011), abbiamo girato insieme a loro nei luoghi del carcere: la sala colloqui, l’aria, il campo, le cucine, i corridoi delle sezioni. Mostrando i loro corpi segnati dal dolore e marchiati dall’esperienza della detenzione — ultimo spazio espressivo e di denuncia — prende forma davanti a noi il racconto delle loro storie di vita, biografie spesso segnate dalla migrazione, dell’emarginazione sociale, della tossicodipendenza. Il carcere diventa un orizzonte di possibilità facilmente raggiungibile, riproponendo gli stessi meccanismi di separazione e confinamento che esistono anche fuori: le distinzioni tra italiani e stranieri, la stratificazione per classe. La quotidianità oscilla tra le domandine, l’attesa di un colloquio, la speranza di ottenere le pene alternative. Nonostante ciò oltre i muri resistono la solidarietà, i legami, gli affetti. La vita continua anche dentro una cella sovraffollata.


Tepepa (film streaming)


Un film di Giulio Petroni. Con John Steiner, Tomas Milian, José Torres, Orson Welles. Italia, 1969.

Il governo del "compagno" Madero non soddisfa il peone Tepepa (Tomas Milian), che continua la sua battaglia contro le truppe del governo insieme ad un gruppo di fedeli combattenti, sentendosi preso in giro dall'ex-rivoluzionario ora capo dello stato. Tepepa si trova più volte a fronteggiare il temibile colonnello Cascorro (Orson Welles), ed è costantemente perseguitato da un dottore inglese, Henry Price (John Steiner), desideroso di vendicare una ragazza appartenente ad una ricca famiglia, di cui il medico era innamorato e che Tepepa aveva violentato inducendola al suicidio. Durante l'ultima battaglia, finalmente Cascorro riesce a ferire Tepepa, più volte sfuggitogli, ma nello scontro decisivo viene ucciso dal rivoluzionario. Nel frattempo il medico, che nonostante l'odio per Tepepa era rimasto al fianco dei rivoluzionari, riesce a vendicarsi del peone uccidendolo con un bisturi, dopo avergli estratto la pallottola. La morte di Tepepa, però, non segna la fine della rivoluzione, ed altri continueranno la battaglia al suo posto.






giovedì 19 giugno 2014

Smetto Quando Voglio (film streaming)


Un film di Sydney Sibilia. Con Edoardo Leo, Valeria Solarino, Valerio Aprea, Paolo Calabresi, Libero de Rienzo,  Stefano Fresi, Lorenzo Lavia, Pietro Sermonti, Neri Marcorè. Italia, 2013.

Roma, i nostri tempi. A un ricercatore universitario viene negato il rinnovo dell'assegno di ricerca; ha 37 anni, una casa da pagare, una fidanzata da soddisfare, molti amici accademici finiti per strada, stesso destino. Pietro Zinni, un chimico, non vuole fare la loro stessa fine, non vuole essere umiliato facendo il lavapiatti in un ristorante cinese, né il benzinaio per un gestore bengalese. Le sue qualifiche e il suo talento non possono essere buttati al vento. Si ingegna e scopre una possibilità ai limiti della legalità: sintetizza con l'aiuto di un suo amico chimico una nuova sostanza stupefacente tra quelle non ancora messe al bando dal ministero. La cosa in sé è legale, lo spaccio e il lucro che ne derivano no. Ma fa lo stesso, i tempi sono questi. Pietro recluta così tutti i suoi amici accademici finiti in rovina, eccellenti latinisti, antropologi e quant'altro e mette su una banda. Lo scopo è fare i soldi e vedersi restituita un briciolo di dignità. Le cose poi prendono un'altra piega...




mercoledì 18 giugno 2014

Gang - Thieves Like Us (film streaming *ESCLUSIVA VdC*)


Un film di Robert Altman. Con Louise Fletcher, Keith Carradine, Shelley Duvall, John Schuck, Tom Skerritt. USA, 1974.

Durante la Grande Depressione, tre detenuti evasi da un carcere del Midwest cominciano a rapinare piccole banche rurali, emulando le grosse imprese gangsteristiche pubblicizzate dai mass media. Il più giovane dei tre s'innamora della figlia di un agricoltore che lo segue senza fargli domande. Tratto, come La donna del bandito (1949) di N. Ray, da un romanzo di Edward Anderson, ma in chiave di ironia dolceamara più che di disperato romanticismo, offre un quadro poetico e attendibile del banditismo rurale dei primi anni '30 e rinnova il genere gangsteristico con originalità, in bilico tra critica sociale e lirismo elegiaco. 



lunedì 16 giugno 2014

Uno Di Noi, Socrates (documentario streaming)




Un documentario di Mimmo Calopresti, Italia, 2014.

Il calciatore brasiliano Socrates è il protagonista del nuovo documentario di Mimmo Calopresti. Socrates, campione del calcio Brasiliano e Italiano. Laureato in medicina e molto sensibile ai temi sociali e politici, Socrates diede vita tra il 1982 e il 1983 alla famosa Democrazia Corinthiana, dove di fatto giocatori e allenatore autogestivano la squadra di San Paulo del Corinthians, scavalcando presidente e dirigenti. Nonostante tutti i luoghi comuni del calcio che vedono in un uomo forte e in un allenatore condottiero una delle formule più efficaci, la Democrazia Corinthiana non solo fu un modello vincente, ma andò oltre i limiti dello stadio e del calcio, perché in quel periodo il Brasile – appena uscito da una lunghissima dittatura militare – chiedeva la democrazia. Finita la carriera di calciatore, Socrates riprenderà la sua professione di medico e si avvicinerà all’attività politica fino alla sua morte, avvenuta nel dicembre 2011.




domenica 15 giugno 2014

Il Postino (film streaming)


Un film di Massimo Troisi, Michael Radford. Con Massimo Troisi, Philippe Noiret, Maria Grazia Cucinotta, Linda Moretti, Renato Scarpa,  Anna Bonaiuto, Mariano Rigillo. Italia, 1994.

Mario, postino di un'isoletta dell'Italia meridionale dove viene a vivere l'esiliato poeta cileno Pablo Neruda, instaura con lui un'amicizia che lo inizia ai fascinosi segreti della poesia. Anche grazie a ciò, Mario riesce a sposare Beatrice, poi Neruda parte e sembra dimenticarsi dell'amico italiano. Che verrà "pestato" a morte durante un raduno politico e lascerà un figlio di nome Pablito.

Difficile rendere omaggio a questo film con una semplice e sintetica recensione: troppi i temi trattati, le sensazioni e le emozioni che emergono dalla sua visione. Ciò che colpisce immediatamente è l'inaspettata fusione di due mondi apparentemente diversi se non opposti:il mondo popolare, con la sua vita semplice, basata sulla praticità e poco sulla rifelessione e , dall'altra parte, l'universo di un poeta. Alla fine del film risulta molto difficile distinguere chi, tra Mario e Neruda, sia il vero poeta: qual'è la vera poesia? Quella semplice, derivante da sensazioni dirette non filtrate dal proprio bagaglio culturale o quella un po' più artificiosa, maggiormente intellettuale? Come si fa a diventare poeta? Queste sono le domande che si pone sia il protagonista che lo spettatore. Il finale, poi, pone un dubbio realmente profondo: come sarebbe stata la vita del giovane Mario se non avesse mai conosciuto Neruda? Sarebbe stata migliore, umile come una volta, o priva di quella ricerca di emozioni da sempre ricercate?... Per tutta la sua durata, il film ci propone un grandissimo climax sia visivo che emozionale; ogni singolo fotogramma ha qualcosa di poetico, nella sua singolarità: l'affannarsi dei pescatori al tramonto, la locanda dell'isola, la spiaggia, la villa di Neruda da cui si espandono nell aria tristi ricordi e canzoni di una patria amata e del suo sofferto distacco.Anche la lettura delle opere del poeta, accostate alla voce arrancante del giovane postino/poeta, acquistano una dimensione nuova e seducente. Molte le scene da ricordare, personalmente due le trovo splendide: la registrazione dei suoni dell'isola da parte di Mario in compagnia del figlio e l'ultima scena, la triste passeggiata del poeta, con gli occhi lucidi, nella baia spesso frequentata con il giovane amico ,impotente dinanzi agli eventi della vita, che neanche una poesia riesce a racchiudere nei suoi versi...
Splendida la colonna sonora di Luis Bacalov, retta per la maggior parte da variazioni sullo struggente tema principale, che si incastra perfettamente con ogni scena, amplificando le emozioni visive. Sul cast ogni parola risulterebbe riduttiva: incredibile il compianto Noiret nel ruolo di un Neruda uomo prima che poeta. Ad alti livelli anche Maria Grazia Cucinotta, timida Beatrice, donna sensuale e mediterranea ma delicata allo stesso tempo. Indimenticabile Massimo Troisi, scomparso dopo sole 12 ore dal termine delle riprese, che riesce ad incastonare nel suo personaggio sofferenza, umiltà e semplicità, in un'interpretazione assolutamente eccezionale.
Tratto dal libro "Il postino di Neruda", un film unico,c ommovente, emozionante, testamento poetico e artistico di uno dei grandi interpreti del cinema Italiano. (cit.)




mercoledì 11 giugno 2014

Massimo Racconta Troisi (documentario streaming)


Rai Storia propone uno speciale di RES, in cui a raccontare Troisi è lo stesso attore, con il giovane attore Antonio Piccolo che da voce ai pensieri e alle riflessioni del comico napoletano.

Il racconto si intreccia con le più importanti e celebri apparizioni di Troisi in tv, con gli aneddoti dei suoi film e i volti degli amici più importanti – Roberto Benigni, Lello Arena, Gianni Minà, Enzo Decaro, Pino Daniele, Renzo Arbore – che con lui hanno condiviso una carriera breve ma ricca di momenti intensi, comici, poetici, sempre sospesi tra la delicatezza e la malinconia.

Massimo Troisi è infatti ancora un personaggio amatissimo dal pubblico, che viene ricordato con pudore e tenerezza da chi ha lavorato con lui. I suoi film sono spaccati della filosofia napoletana, indolente e fatalista e i suoi personaggi sono sempre stati uomini timidi, pigri e sognatori. Eppure, in tanti si sono riconosciuti nel personaggio dell’emigrante di “Ricomincio da tre”, o del timido corteggiatore di “Scusate il ritardo”, così come hanno dispensato sorrisi i racconti della sua famiglia, gli sketch di No-Stop con gli amici della smorfia, gli aneddoti della sua infanzia e dei suoi primi approcci col cinema.

Di Troisi è emerso sempre il suo lato malinconico e poetico, ma il Troisi che manca al pubblico, soprattutto quello napoletano, è anche un uomo irriverente e provocatore, che tra le righe riesce a parlare di politica e che si diverte a smontare i luoghi comuni su Napoli, sulla povertà, sulla famiglia. Un personaggio a tutto tondo appassionato di calcio e legatissimo alla sua terra, innamorato del cinema e del teatro, e che ha fatto della modestia, dell’umiltà e della discrezione, il suo stile di vita.



martedì 10 giugno 2014

Massimo - Il Mio Cinema Secondo Me (documentario streaming)


Un film di Raffaele Verzillo. Italia, 2013.

Il documentario è un progetto che nasce dal desiderio di rivelare l’idea che Troisi aveva del suo cinema: il suo ruolo, e la sua responsabilità, di autore, la sua concezione registica e produttiva. 
Nasce dall’intento di ‘documentare’, attraverso materiali e testimonianze inedite, il mondo, ai più sconosciuto, che sta dietro ai film che tutti abbiamo visto, ai risultati artistici che ci ha lasciato.
Il documentario parte da un’intervista rilasciata da Troisi, nel 1993, per  una tesi di laurea. Un racconto dal tono rilassato, intimo, privo delle cautele tipiche di altre interviste ‘pubbliche’, sincero e riflessivo. Un percorso confidenziale, introspettivo al quale si intrecciano le voci di chi ha condiviso la sua arte, la sua amicizia, i suoi sentimenti.
Nell’articolarsi del discorso, nel succedersi delle risposte, viene fuori la filosofia di un artista molto più articolato e profondo del solo Troisi attore.



La Grande Abbuffata (film streaming)


Un film di Marco Ferreri. Con Ugo Tognazzi, Michel Piccoli, Marcello Mastroianni, Philippe Noiret, Andréa Ferréol. Italia, Francia, 1973.

Quattro amici di diversa estrazione sociale, ma uniti dal comune amore per la buona tavola, si ritrovano nella fatiscente villa con giardino di uno di loro per trascorrere un intero weekend mangiando e bevendo. Tre prostitute fatte venire per ravvivare la maratona gastronimica ben presto si stancano dell'indifferenza erotica degli anfitrioni, tutti presi dalle pietanze, e se ne vanno...

Il capolavoro di Ferreri e il suo più grande successo commerciale. Una metafora impietosa sul consumismo della società del benessere inesorabilmente votata all'autodistruzione. Dopo Bunuel, prima di Pasolini, in ogni caso un "cult".




Goool! (film streaming)


Un film di Juan José Campanella. Argentina, Spagna, 2013.

Amadeo, un ragazzino timido ma talentuoso, unisce il suo destino con quello di una squadra di calcio balilla, che improvvisamente prende vita, quando dal passato torna un avversario desideroso di vendetta. Con l'aiuto dei nuovi amici giocatori, Amadeo si imbarca in un'avventura che condurrà dopo tanta preparazione a una sfida senza precedenti in cui valori come l'amicizia, la passione e il rispetto potranno finalmente trionfare.

L’intreccio scivola placido verso un inevitabile lieto fine, a dire il vero stucchevole, ma la vita dei giocatori di calcio da tavolo è originale e i personaggi sono variopinti e divertenti. Il film è chiaramente diretto ai più piccoli, a cui vuole insegnare che se il mondo del calcio è stato divorato dal business, la sua nobiltà sportiva non è perduta e la si può ritrovare anche nel campetto dietro casa, o persino in quello del calcio balilla. 





lunedì 9 giugno 2014

Il Futuro Non E' Scritto - Joe Strummer (documentario streaming ENG sub ITA)


Un film di Julien Temple. Con Bono, Steve Buscemi, Matt Dillon, Johnny Depp, John Cusack,  Jim Jarmusch, Mick Jagger. Gran Bretagna, 2007.

La storia di Joe Strummer narrata da amici, parenti e colleghi - raccolti intorno a un falò - e ripresa dall'obiettivo di Julien Temple. Il futuro non è scritto celebra il ricordo di uno dei maggiori esponenti del punk attraverso video domestici, materiali d'archivio, fotografie, vignette (realizzate dallo stesso Strummer), spezzoni di film, interviste d'epoca e testimonianze di artisti che lo hanno conosciuto o ne sono stati ispirati - Bono Vox, Martin Scorsese, Johnny Depp, Steve Buscemi, John Cusack, Jim Jarmusch, Flea e Anthony Kiedis dei Red Hot Chili Peppers fra gli altri.
Il documentario di Temple ripercorre la vita del "guerrigliero" partendo dalla sua infanzia, passando dagli anni formativi (la scuola d'arte, le prime band), al successo mondiale dei Clash e il successivo allontanamento dalle scene di Strummer dopo la separazione dai suoi compagni, alle prove da solista e da attore fino al ritorno sotto i riflettori con i Mescaleros. 
Il futuro non è scritto è una sorta di mosaico, un collage a più voci tenuto insieme da quel fuoco che generarono i Clash sullo sfondo sociale e politico dell'epoca - le occupazioni londinesi, la nascita della rivoluzione punk, le guerre in Vietnam e in Iraq - che offre uno spaccato reale e realistico di quegli anni pieni di contraddizioni. È anche un'opera ricca di aneddoti che aiutano a capire l'ascesa e la caduta di una band che ha fatto storia e la frustrazione dei componenti, in primis dello stesso leader, costretto a ripartire da zero per ricercare quella felicità che appariva come un miraggio. La voce di Strummer si unisce al coro dei partecipanti dando l'impressione di essere ancora fra noi e lancia un messaggio universale: "Nella vita, devi essere capace di prenderti quello che vuoi, perché nessuno te lo regalerà mai".




giovedì 5 giugno 2014

Unici - Massimo Troisi (documentario streaming)


Un documentario di Rai2  a 20 anni dalla morte di Massimo Troisi. Con Enzo Decaro, Lello Arena, Bruno Voglino, James Senese, Nino Frassica, Massimo Bonetti, Marco Messeri, Renato Scarpa, Anna Pavignano, Giuliana de Sio, Maria Grazia Cucinotta, Gianni Minà. Italia, 2014.




mercoledì 4 giugno 2014

Il Signor Monicelli (documentario streaming)


OFFCINEMA - Laboratori per il nuovo cinema - Documentario sul grande maestro del cinema Mario Monicelli, realizzato da Alberto Tempi. Italia, 1990.


Ricomincio Da Tre (film streaming ITA e ITA sub ENG)


Un film di Massimo Troisi. Con Massimo Troisi, Fiorenza Marchegiani, Lello Arena, Marco Messeri, Renato Scarpa. Italia, 1981.

Gaetano (Massimo Troisi), giovane napoletano timido e impacciato decide di fuggire dall'inerzia di Napoli e dalla famiglia e va alla ricerca di stimoli più vivi altrove. Approda a Firenze dove trova un appoggio presso una zia, ma appena viene a sapere che la donna convive con un professore accetta l'ospitalità di un ragazzo italoamericano che lo vuole iniziare alla predicazione della "parola" all'interno di una setta protestante. Intanto Gaetano conosce una ragazza...

Esordio di Massimo Troisi come regista cinematografico che sfrutta la propria comicità originale per un approccio inconsueto. Col suo tipico stile pacato, di narrazione e di recitazione, Troisi sa costruire un'atmosfera di sottile malessere e di indefinibile insoddisfazione.





lunedì 2 giugno 2014

I Figli Della Violenza (film streaming)


Un film di Luis Buñuel. Con Miguel Inclan, Estela Inda, Alfonso Mejia, Roberto Cobo, Alma Delia Fuentes. Messico, 1950.

Vita misera, imprese criminali e morte di alcuni ragazzi in un quartiere povero di Città del Messico. 3° film messicano di Buñuel e quello che, presentato e premiato a Cannes nel 1951, rilanciò la sua fama in Europa. Fu definito dal suo autore "film di lotta sociale". A questo crudele e malinconico "poema d'amore sulla mancanza d'amore" (M. Argentieri) il francese Jacques Prévert dedicò questi versi: "Los olvidados/ragazzi affettuosi e male amati/assassini adolescenti/assassinati...". "Un'opera precisa come un meccanismo, allucinante come un sogno, implacabile come la marcia silenziosa della lava" (Octavio Paz).